Azienda

La storia della Falegnameria Repossini è la storia di una grande passione per il legno che ha coinvolto una famiglia intera.

Era la fine degli anni quaranta quando lo zio Pietro  lavorava con mani esperte, attenzione alla tradizione, e tanta pazienza quel nobile materiale che è il legno, costruendo sedie ,piccoli mobili e alcuni serramenti. Ben presto il nipote Franco è stato attratto da quel modo di lavorare fatto di perizia, cura, arte e da quel materiale così unico quale  è il legno.

  • Falegnameria Repossini_210

  • Falegnameria Repossini_223

  • Falegnameria Repossini_009

  • Falegnameria Repossini_003

  • Falegnameria Repossini_012

  • Falegnameria Repossini_085

  • Falegnameria Repossini_067

  • Falegnameria Repossini_045

  • Falegnameria Repossini_058

  • Falegnameria Repossini_136

  • Falegnameria Repossini_075

  • Falegnameria Repossini_083

  • Falegnameria Repossini_175

  • Falegnameria Repossini_177

  • Falegnameria Repossini_181

  • Falegnameria Repossini_183

  • Falegnameria Repossini_192

  • Falegnameria Repossini_187

  • Falegnameria Repossini_199

  • Alle parole preferiamo i fatti...
  • Scegliamo con cura il materiale
  • Finiture eseguite a mano
  • Creatività e innovazione
  • Studiamo la soluzione più adatta alle vostre esigenze
  • Per noi i dettagli fanno la differenza
  • Tradizione e competenza
  • Diamo spazio agli interni
  • Attenzione per il design

Nel 1967 l’identificazione nel serramento come strada da percorrere, la sempre maggior specializzazione, l’esperienza maturata nel tempo, la fattura esclusivamente artigianale, permisero alla Falegnameria di ingrandirsi e affermarsi nel mercato.Iniziarono ad essere assunti nuovi operai, ognuno con competenze , responsabilità e specializzazioni acquisite sul campo, frutto di un insegnamento che valorizzasse le capacità di ognuno, perché da sempre il valore delle mani sapienti di un lavoratore non può eguagliare la tecnologia della macchina. La moglie e infine la figlia si sono unite a questa avventura, assumendo incarichi diversi ma non meno importanti.

Negli anni  sono cresciuti insieme sia l’attenzione alla selezione del materiale, sia la ricerca del design, sia l’investimento sui macchinari , per armonizzare tradizione e tecnologia, fino a iniziare la produzione di serramenti in legno rivestito di alluminio e intraprendere una  collaborazione con aziende che producessero serramenti in pvc e alluminio, in linea con la qualità e gli standard della Falegnameria.

A caratterizzare la realtà della Falegnameria Repossini è l’ampio spettro di clientela cui si adatta, come solo una realtà artigianale sa fare, dal lavoro a disegno per il cliente più esigente, allo studio della soluzione ottimale in equipe con architetti e ingegneri, alla necessità del privato che non conosce il settore e ha bisogno di consigli , alla realizzazione in grande scala per imprese. Da sempre il nome della Falegnameria non ha avuto bisogno di pubblicità per farsi conoscere, il passa parola di chi ha visto e apprezzato il prodotto e il servizio offerti sono stati la vera pubblicità.

Falegnameria Repossini_030

“Un tempo gli operai non erano servi. Lavoravano. Coltivavano un onore, assoluto, come si addice a un onore. La gamba di una sedia doveva essere ben fatta. Era naturale, era inteso. Era un primato. Non occorreva che fosse ben fatta per il salario, o in modo proporzionale al salario. Non doveva essere ben fatta per il padrone, né per gli intenditori, né per i clienti del padrone. Doveva essere ben fatta di per sé, in sé, nella sua stessa natura. Una tradizione venuta, risalita dal profondo della razza, una storia, un assoluto, un onore esigevano che quella gamba di sedia fosse ben fatta. E ogni parte della sedia fosse ben fatta. E ogni parte della sedia che non si vedeva era lavorata con la medesima perfezione delle parti che si vedevano. Secondo lo stesso principio delle cattedrali.  Per loro, in loro non c’era allora neppure l’ombra di una riflessione. Il lavoro stava là. Si lavorava bene. Non si trattava di essere visti o di non essere visti. Era il lavoro in sé che doveva essere ben fatto” Charles Pèguy – L’argent – 1914